Biografie dei mitici della BOXE.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Biografie dei mitici della BOXE.

Messaggio  Kamui il Lun 25 Feb 2008, 17:00

CASSIUS CLAY-MOHAMMED ALÌ


Nasce il 17 gennaio del 1942 a Louisville, nel Kentucky, figlio di Cassius Marcellus suonatore di strada che disegnava santi sui marciapiedi e con il vizio di alzare il gomito, e di Odessa, cuoca sopraffina, tonda e fiera del suo bellissimo bambino, convinta che fosse speciale al punto di chiedersi come mai il buon Dio avesse scelto proprio lei per metterlo al mondo. A scuola non è certo uno studente modello, perciò la lascia giovanissimo, il suo approccio con la boxe è precoce. Ha dodici anni quando gli rubano la bicicletta, si rivolge spaventato ad un poliziotto, Joe Martin, che nel tempo libero fa l'allenatore di boxe. L'idea di partenza è d'imparare a reagire ad eventuali soprusi, si scopre che ha talento innato e sei anni dopo, nel 1960, eccolo vincere la medaglia d'oro alle Olimpiadi di Roma.
Nel 1962 combatte già al Madison Square Garden come professionista, con alle spalle solo vittorie, ma è sempre considerato una promessa. Arriva il 1964 quando, contro tutte le previsioni, alla settima ripresa batte Sonny Liston, il campione della mafia, diventando campione del mondo dei pesi massimi.
Negli anni precedenti il successo, affascinato dalle teorie di Malcom X, milita tra i Musulmani Neri, movimento antagonista al governo degli Stati Uniti, e la sua lettura è il Corano, filo conduttore delle meditazioni quotidiane. Diventato campione mondiale, annuncia al mondo che il nome di Cassius Clay, affibbiato dai negrieri ai suoi avi strappati con la forza alla terra africana per essere schiavi, non gli appartiene, d'ora in poi si chiamerà Mohammed Alì.
È un campione ed è una forza non solo sul ring: anche nel quotidiano combatte con una sorta di snobismo a rovescio per l'orgoglio della gente nera. Molti non lo amano, lui se ne infischia e come sul ring salta di qua e di là come un ballerino e poi mena fendenti, parlando ininterrottamente, insultando l'avversario fino a: "Fargli dimenticare tutto quello che sa sulla boxe", sono parole sue, nella vita non perde occasione e microfono per predicare. Grida che vuole: "…far prendere coscienza alla mia gente, farla crescere". Vuole essere il migliore in tutti i sensi, per essere un modello, non per vanità anche se molti non gli credono, ma perché la gente di colore abbia qualcosa, qualcuno di cui vantarsi e a cui rifarsi, per far capire che se hai fede in te stesso, niente è impossibile. Per il suo infaticabile parlare, infatti, è stato soprannominato "labbro di Louisville". Orgoglioso del suo essere nero, dichiara che non avrà mai rapporti con una donna bianca, neppure per una notte, e così è, che non riesce a capire come: "Un uomo e una donna intelligenti e di colore, è impensabile che possano pensare di sposarsi con un partner bianco e fare figli mezzi bianchi. Uno vuole figli che gli assomiglino". E di bianchi, attorno, non ne ha mai avuti, se si esclude l'allenatore personale Angelo Dundee, figlio di un emigrato calabrese che aveva cambiato il cognome Mirenda con Dundee, appunto, perché: "Era più facile far crescere i propri figli con un cognome irlandese".
Fino al 1967 difende il suo titolo ben otto volte, è "il Campione" e basta, poi rifiuta di andare in Vietnam per il servizio militare e il titolo gli è tolto "d'ufficio". Nel 1970 può tornare a combattere: la Corte Suprema degli Stati Uniti ha cambiato la legge sull'obiezione di coscienza apposta per lui. Perde un incontro con Joe Frazier nel 1971, e molti lo danno per finito, ma si rifà contro lo stesso in seguito, e nel 1974 si prende una sonora rivincita. Malgrado l'avessero dato perdente 3 a 1, riconquista contro George Foreman il "suo" titolo, quello che nessuno gli aveva tolto sul ring.
Titolo di nuovo in palio nel 1978: lo perde una prima volta, sette mesi dopo lo recupera a prezzo di fatiche indicibili. Nel 1981 perde il titolo per K.O. contro Larry Holmes: è picchiato di brutto, ma non ha perso l'ironia. Quando, nella conferenza stampa alla fine del combattimento, l'avversario che è stato suo sparring-partner ripete in continuazione: "Alì mi ha insegnato la boxe, mi ha insegnato la dignità, mi ha insegnato a vivere…", lui, seccato, acchiappa il microfono e gli chiede a bruciapelo: "Allora, perché mi hai menato?", sollevando un'ovazione tra pubblico e giornalisti. Si ritira: ha collezionato 56 vittorie e 5 sconfitte, nel 1983 è designato miglior pugile in assoluto degli ultimi vent'anni.
Anche nella vita privata, Mohammed Alì ha numeri alti. Il matrimonio con la prima moglie, la bellissima Sonji Ray, dura poco più di un anno. Per seguire i dettami della religione musulmana, che secondo lui gli ha dato coscienza e dignità, Alì fa sacrifici, mentre lei non porta il velo, si trucca e beve alcolici. La seconda moglie è la diciassettenne Belinda, musulmana religiosissima, porta il velo, gli dà quattro figli e fa l'angelo del focolare. In ogni modo, religione o no, anche Alì ha il suo punto debole e sono le donne, che gli danno letteralmente la caccia, ha anche un paio di figli fuori dal matrimonio. Durante una trasferta, per un incontro, nelle Filippine, è accompagnato da Veronica, una bellissima modella già madre di una bambina sua, che per sbaglio è presentata alla stampa mondiale come sua moglie. Belinda, che aveva mandato giù tutto fino a quel momento, prende un aereo, lo raggiunge, gli molla un paio di sventoloni, torna a casa e chiede il divorzio. Terzo matrimonio con Veronica, dunque, ma dura pochissimo: non appena Alì si ritira dalla boxe e compaiono i primi segni della malattia, il morbo di Parkinson, la bella se ne va e malgrado un accordo prematrimoniale gli scuce un bel po' di quattrini. Alì è sempre stato generoso con tutti, in molti lo hanno sfruttato, non combatte più, è carico di figli, ne ha collezionati otto, quando al suo orizzonte compare, ma si dovrebbe dire ricompare, Lonnie. Abitava davanti alla casa dei suoi genitori, la madre aiutava quella di Alì quando i soldi sono cominciati a circolare, lui è sempre stato il suo idolo, si sposano e adottano il nono bambino.
Questa, in sintesi, la storia dell'uomo che, alle Olimpiadi di Atlanta, con passo incerto ha portato la torcia e con mano tremante ha acceso il tripode: ammalato sì, domato mai. Anche chi lo sconsigliava di farlo, anche chi non lo ha mai amato, non ha potuto fare a meno di ammirarlo e di commuoversi. Ora, non può parlare più come una volta, infatti ha la mente lucida, ma ha difficoltà ad esprimersi, ma non è dimenticato e non si fa dimenticare: risponde alle lettere che continuano ad arrivargli copiose, Benetton ha sponsorizzato una sua biografia fotografica, un documentario dedicato alla sua giovinezza ha vinto un Oscar, dutante la guerra del Golfo, nel 1991, ha ottenuto da Saddam Hussein, fratello di fede, la liberazione di cittadini statunitensi prigionieri in Iraq, con una delegazione ha portato a Cuba aiuti umanitari.
Com'è Mohammed Alì Dietro lo Specchio dell'Astrologia? Non è per togliergli meriti, ma è nato fortunato, fortunatissimo e intelligente, intelligentissimo. Vanitoso da morire, ma con i piedi ben piantati a terra, un innato senso del ritmo, istrionico, ambizioso, ostinato, geniale e paranoico. In sostanza, vuoi per fortuna vuoi per intelligenza, la vanità si è sublimata in una qualità trasformandosi in orgoglio. Merito anche del solido segno natale, il Capricorno?, o dei pianeti generazionali nel Toro, Saturno e Urano, in ottimo aspetto con il Sole?, o perché non aveva nessuna inclinazione criminale? Chi lo sa, resta il fatto che, pur addolcendo i toni, si è mantenuto coerente con se stesso, conquistando anche i nemici.
Ho tra le mani le previsioni fatte nel 1978-1979 per una trasmissione Rai e riguardavano gli anni seguenti. Mi si rizzano i capelli in testa: parlano di aspetti che possono avere effetti catastrofici sulla salute. Dalla circolazione al cuore, botte in testa… e secondo i medici, quando è arrivato all'ultimo combattimento era già ammalato, ma non si sapeva di che cosa, tant'è che era curato per "sangue avvelenato", e lo botte prese negli ultimi combattimenti hanno accelerato, o aggravato, la malattia.
avatar
Kamui
Amministratore
Amministratore

Maschile Numero di messaggi : 171
Età : 39
Località : Salerno
Data d'iscrizione : 04.02.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Biografie dei mitici della BOXE.

Messaggio  Crocchettone il Dom 02 Mar 2008, 14:06

Ricerca abbastanza approfondita e minuziosa..
Se volete saperne di più sulla vita di MOHAMMED ALÌ vi consiglio di leggerla.
W il JKD!!!! lol!
avatar
Crocchettone

Numero di messaggi : 4
Data d'iscrizione : 15.02.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Biografie dei mitici della BOXE.

Messaggio  Karreeb il Dom 02 Mar 2008, 18:09

Crocchettone ha scritto:Se volete saperne di più sulla vita di MOHAMMED ALÌ vi consiglio di leggerla.

oppure vedetevi il film cn will smith Wink
avatar
Karreeb

Maschile Numero di messaggi : 41
Età : 33
Località : Salerno
Data d'iscrizione : 17.02.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Biografie dei mitici della BOXE.

Messaggio  Kamui il Lun 03 Mar 2008, 15:28

Io penso che leggere sia il modo migliore per apprendere, perchè, i film non sono mai dettagliati come i libri

ciao, a presto
avatar
Kamui
Amministratore
Amministratore

Maschile Numero di messaggi : 171
Età : 39
Località : Salerno
Data d'iscrizione : 04.02.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Biografie dei mitici della BOXE.

Messaggio  Davide il Lun 03 Mar 2008, 22:47

Kamui ha scritto:Io penso che leggere sia il modo migliore per apprendere, perchè, i film non sono mai dettagliati come i libri

ciao, a presto


Quoto al massimo Exclamation
avatar
Davide

Numero di messaggi : 29
Data d'iscrizione : 18.02.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Biografie dei mitici della BOXE.

Messaggio  Kamui il Gio 06 Mar 2008, 16:26

Karreeb, tu che sei un capoerista:D , cosa pensi della boxe ?
avatar
Kamui
Amministratore
Amministratore

Maschile Numero di messaggi : 171
Età : 39
Località : Salerno
Data d'iscrizione : 04.02.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Biografie dei mitici della BOXE.

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum